De liter Van Pallieter

Pallieter e Pallieterland: due nomi “evocati” da questa birra che meritano una spiegazione. Pallieterland è il nome con il quale in Belgio si contraddistingue quella zona delle Fiandre che comprende Lier, Heist-op-den-berg, Berlaar, Nijlen e Putte, una specie di “consorzio turistico” per il quale il buon Achilles ha brassato questa sua ultima triple. E proprio originario di Lier è Felix Timmermmanns (1886-1947), uno dei maggiori scrittori fiamminghi (ma era anche un buon pittore ed un ottimo illustratore) del XX secolo. Timmermanns è ancora oggi famoso per un suo libro del 1916, dal tittolo “Pallieter”, unanimemente riconosciuto come la celebrazione della bellezza e della fecondità della natura e un inno alla gioia di vivere. Scritto dopo una lunga crisi morale e religiosa, questo libro, il cui protagonista è il mugnaio Palleieter, segna l’inizio di una nuova e positiva comprensione della vita, celebrata in tutti i suoi aspetti giocosi e liberatori. E’ un libro che “fece molto bene” al Belgio, che in quel periodo viveva tristemente il complesso periodo della I guerra mondiale. Palletier, da allora, è diventato un po’ il simbolo del popolo fiammingo, il fiammingo DOC, si potrebbe dire. Tradotto in più di 40 lingue, il libro ha anche ispirato un film famoso negli anni ’70.

literVenendo alla birra, si deve dire che come sempre, quando si parla delle birre della premiata ditta Serafijn, ci si trova di fronte ad un prodotto pulito, elegante, ben fatto, solido senza essere troppo fantasioso. E’ una Triple classica, meno amaricante della media, grazie ad un corpo rotondo e leggermente watery sul finale, dissetante e asciutta, con una corsa finale morbida e vellutta, bilanciata efficacemente da un luppolo tenue e delicato. E’ bionda, netta e pulita, ha una bella schiuma pannosa alta due dita, di media persistenza, e un naso fresco e delicato: c’è luppolo erbaceo, un capellino di lievito rustico e piccante e un malto morbido e accennato. Bello l’impatto al palato, subito “pizzicato” da una effervescenza importante ma non aggressiva. Da bere senza moderazione. Alc. 8% vol ©Alberto Laschi

One Response to “De liter Van Pallieter”

Lascia un commento