Birre&Birrifici

Il miglior birrificio danese …..

… è belga, mi viene da dire. E si chiama De Proef. Non è una novità assoluta ovviamente: quelli “del settore” lo sanno da sempre, ma, secondo me, ogni tanto fa bene (ri)dirselo. Dirk Naudts e la sua “creatura” sono ormai una presenza significativa sul mercato. Non fa, ovviamente, i volumi dei big industriali che … Continua

Retorto

Retorto

La colpa, o il merito, è anche questa volta di Ratebeer. Prendi le classifiche che ogni anno vengono partorite, spulci quelle del 2013, via a leggerti quella nella quale vengono elencati la miglior birra, il miglior birrificio e il miglior birrificio emergente di ogni paese censito e, accanto a Toccalmatto (miglior birrificio italiano) e alla Revelation … Continua

Anche qui c’è un peschereccio

Anche qui c’è un peschereccio

Non ci sono solo i Brewdog: anche i Rogue, per una loro birra, hanno tirato in ballo la marineria. Gli scozzesi ci hanno provato “di persona”, caricandosi su uno dei loro pescherecci un po’ di barili della loro Atlantic Ipa, portata a spasso per un tot di mesi in giro per i mari tempestosi del … Continua

British hop

British hop

Una collaborazione birraria che mi consente di parlare anche di “altro”. Partiamo dalla birra, la Thornbridge/Sierra Nevada Twin Peaks, messa sul mercato da poco più di un mese e frutto del lavoro congiunto di Rob Lovatt, Head Brewer di Thornbridge, e Steve Grossman Beer Ambassador di Sierra Nevada che è andato fino nel Derbishire per … Continua

Sua maestà il lambic

Post tutto dedicato a sua maestà il lambic, con una serie di notizie che “lo” riguardano. Cominciamo da Boon uno dei padri nobili della produzione di lambic in Belgio. Frank ha ufficialmente inaugurato il nuovo birrificio una decina di giorni fa, alla presenza di  Herman Van Rompuy, presidente del Consiglio Europeo. Sopra la fabbrica di … Continua

Tre birre, tre storie (3)

“Lavoriamo per ridurre al minimo il nostro impatto sulla nostra comunità“; “la sostenibilità è parte della cultura Odell“; “Odell è impegnata nel contribuire a programmi di beneficenza  e nel coinvolgere i nostri collaboratori nei nostri sforzi filantropici“. Una volta tanto, nel parlare di birra e di birrai, è doveroso iniziare dall’aspetto non strettamente produttivo: la … Continua

Tre birre, tre storie (2)

Seconda puntata del mio breve e personalissimo viaggio birrario, iniziato lo scorso lunedi con il racconto relativo alla bevuta storica della Samuel Adams Triple Bock del 1997. Oggi farò un salto in avanti nella linea temporale, “tuffandomi” in un approccio produttivo radicalmente diverso. Cambiano i protagonisti e cambia totalmente la tipologia birraria. Da Jim Koch e … Continua

Tre birre, tre storie (1)

Tre birre, in questa settimana, con tre storie diverse, di tre diversi birrirfici: un viaggio che parte da lontano (dal 1997) e che attraversa, nel suo incedere, stili e filosofie produttive totalmente diverse. Un bel viaggio, davvero. Almeno per me lo è stato. Viaggio che parte da Boston, con una birra prodotta per soli tre … Continua

Randall & continuously hopped

Lo strumento e il “comandamento” che hanno fatto conoscere Sam Calagione (e le sue birre) in tutto il mondo. Entrambi svolgono il compito di moltiplicare nella maniera più efficace possibile gli effetti amaricanti, balsamici, astringenti, dissetanti del luppolo, la prima vera ossessione produttiva di Sam. La 60 minute ipa, la birra che ho potuto assaggiare … Continua

Dogfish Head e Brooklyn Brewery

Ci voleva un (italo) americano per brassare in Scandinavia una birra che nessuno ha più fatto per centinaia di anni. L'(italo)americano non può essere che Sam Calagione di Dogfish Head, “spalleggiato” dal suo “compare” Patrick McGovern,  archeologo biomolecolare, sempre presente in queste avventure produttive a ritroso nel tempo per le quali il birrificio di Milton,  … Continua